10.7 C
Milano
venerdì, 3 Febbraio 2023
HomeAmici AnimaliUna mamma è sempre una mamma

Una mamma è sempre una mamma

Sebbene i nostri spazi abitativi siano oggettivamente piuttosto piccoli, sembra che i volumi per ospitare gli animali da compagnia non siano mai un ostacolo. Basta mettere il naso dentro una piattaforma social oppure sporgere la testa fuori di casa per farsi un’idea del comportamento collettivo: pare che a Milano tutti abbiano animali.

A qualsiasi ora del giorno e con qualsiasi condizione metereologica ci sono cani al guinzaglio ed è sempre più frequente vedere persone che ne portano in giro due assieme, a volte perfino tre.

All’aperto la nostra visione è limitata. Infatti, siccome per portare a spasso il gatto al guinzaglio ci vuole un esorcista, noi osserviamo solamente i cani. Altrimenti, se anche i gatti reclamassero la passeggiata, non basterebbero i marciapiedi.

L’aumento vertiginoso delle famiglie che ospitano un animale si accompagna anche ad un altro fenomeno, più ristretto ma in crescita: far fare i cuccioli al proprio cane. La riproduzione del proprio animale è certamente una scelta ponderata perché in questo caso il dubbio che lo spazio possa diventare un argomento interessante viene a chiunque, ma poi alla fine ci si lancia ad occhi bendati in questa avventura e un angolo del soggiorno verrà sacrificato per un paio di mesi allo sforzo procreativo.

Se la programmazione è stata accurata, la data del parto e il numero dei cuccioli in arrivo è conosciuto in anticipo grazie agli esami fatti presso il proprio veterinario. La prima ecografia viene filmata e condivisa con un numero planetario di persone. La gravidanza dura circa due mesi e spesso il parto inizia verso sera. Quel giorno la mamma è stata un po’ agitata, non ha voluto mangiare, e ha ripetuto il gesto di scavare.

La nascita dei cuccioli può essere un momento emozionante e di grande gioia. Se in casa ci sono dei bambini, sarà per loro indimenticabile. I cuccioli possono nascere dalla testa o dai piedi e generalmente l’esperienza non procura dolore alla mamma, che lava e pulisce ogni cucciolo appena nato e dopo poco inizia ad allattarlo.

I nostri cani hanno grandi doti nella cura della prole e i neonati se stanno bene piangono pochissimo, si orientano attraverso l’olfatto e il tatto, e non si allontanano mai dalla madre, che nei primi giorni non vorrà staccarsi dai suoi piccoli nemmeno per mangiare.

Un aspetto apparentemente misterioso, ma molto bello e logico una volta compreso nel suo significato profondo, è che le cagnoline producono latte anche in assenza della gravidanza: è la cosiddetta falsa gravidanza. Ma di cosa si tratta? È uno stato fisiologico legato alla socialità e al funzionamento del branco. Questa produzione di latte infatti rappresenta una forma di assicurazione per la comunità: nel caso la madre naturale abbia problemi ad allattare tutti i cuccioli, le altre femmine potranno aiutarla, provvedendo a nutrirli con il loro latte.

È un comportamento involontario e istintivo, diciamo pure senza alcun merito, ma talmente bello da meritare uno sforzo di interpretazione. Si può leggere infatti come una sorta di lungimiranza sociale, di intelligenza di gruppo, un collettivo slancio alla protezione della prole, qualunque essa sia, che supera generosamente i confini della parentela e che riconosce nel neonato un valore assoluto, non molto diversamente da come tutti noi pensiamo che debba essere.

Nicoletta Bevere
Nicoletta Bevere
Medico Veterinario
ARTICOLI CORRELATI

Articoli più letti

Numero 04-2022

Interviste recenti