6.1 C
Milano
lunedì, 26 Febbraio 2024
HomeAttualitàIl nuovo nido in via Ragusa contribuisce ad ampliare l'offerta dei servizi...

Il nuovo nido in via Ragusa contribuisce ad ampliare l’offerta dei servizi educativi   

L’anno educativo 2023/2024 è iniziato con l’apertura di un nuovo nido d’infanzia nel Municipio 2. Il nido accoglie 30 tra bambini e bambine nella struttura di via Ragusa 5 in cui è già presente la scuola dell’Infanzia, completamente rinnovata lo scorso anno.   

Importanti i lavori per rendere idonei gli spazi e ammodernare gli impianti

Una riorganizzazione interna ha permesso di realizzare spazi adeguati al nuovo nido, garantendo a bambine e bambini aree funzionali e curate per il gioco, la scoperta, le esperienze educative in sezione e nei locali comuni, nei laboratori e nella piccola biblioteca.

Si aggiungono le zone per il pranzo e il riposo, i bagni e i luoghi dedicati al personale educativo e ausiliario. 

Anche la scuola d’infanzia è stata oggetto di una ristrutturazione complessiva e di una messa in sicurezza: tra i lavori portati a termine, la sostituzione dei serramenti interni ed esterni, il rifacimento dei pavimenti, dei servizi igienici e dell’impianto elettrico.  

“Vogliamo ampliare l’offerta dei servizi educativi in città ed è un’ottima notizia per il Municipio 2 l’apertura del nuovo nido – ha dichiarato Anna Scavuzzo, vicesindaco con delega all’Istruzione, che ha visitato la scuola di via Ragusa 5 –. I lavori, che hanno richiesto circa un milione di euro e sono durati un anno, hanno finalmente restituito a bambine e bambini una bellissima scuola ampliata e più luminosa, spaziosa e accogliente, con diversi spazi pensati proprio per i più piccoli. Abbiamo portato anche qui le innovazioni pedagogiche e i nuovi arredi per garantire ai più piccoli esperienze di crescita di grande qualità e creatività, sempre dando spazio alla loro immaginazione”. 

“Colgo l’occasione per confermare che dopo un lungo confronto con Regione Lombardia – aggiunge la vicesindaco – abbiamo accolto con favore le ultime modifiche per la definizione dei nuovi criteri di accreditamento per i servizi educativi. Modifiche richieste anche dagli operatori per arricchire il ventaglio delle strutture accreditate e convenzionate. Un’altra possibilità per rafforzare ulteriormente l’offerta integrata di posti nido che confido possa trovare disponibilità da parte di privati in vista delle iscrizioni e soddisfare ancora di più le richieste delle famiglie”.  

ARTICOLI CORRELATI

Articoli più letti

Numero 04-2023

Interviste recenti