22.6 C
Milano
lunedì, 27 Maggio 2024
  • Intesa San Paolo SpazioXnoi
HomeAssociazioniSpazio Libellula: luogo di emancipazione per le donne

Spazio Libellula: luogo di emancipazione per le donne

A Milano, in via Filippo Tommaso Marinetti 2, sorge Lo Spazio Libellula, il primo centro territoriale di Fondazione Libellula, impresa sociale impegnata nella prevenzione alla violenza di genere attraverso la diffusione di una cultura inclusiva.

Un’antenna per diffondere il linguaggio del rispetto e il valore dell’equità, attraverso attività formative, educative e ludiche per donne, bimbe e bimbi, adolescenti e uomini. Attività che mirano a scardinare gli stereotipi e i pregiudizi di genere per poter esprimere liberamente il proprio sé, sostenere l’empowerment femminile e la genitorialità condivisa, responsabilizzarci come comunità e dare ascolto e supporto alle donne che ne hanno bisogno.

È presente uno Sportello di ascolto e orientamento nato per aiutare le donne a trovare risposte alle loro domande e intercettare precocemente situazioni di molestie e violenza. 

Spazio Libellula: luogo di emancipazione per le donne

Le donne possono richiedere supporto psicologico usufruendo anche di una mediazione linguistica e culturale; inoltre possono partecipare a un percorso di (re)inserimento lavorativo, denominato RinaSHEta, che ha un focus sull’empowerment, l’employability, l’educazione finanziaria per contrastare la violenza economica. Le beneficiarie vengono accompagnate anche grazie alla collaborazione con Agenzie per il lavoro accreditate.

Lo Spazio Libellula è inoltre un luogo Child Care, riconosciuto da Unicef come Baby Pit Stop, ovvero un luogo accogliente dove poter allattare e cambiare il pannolino. 

Tra i servizi dedicati c’è il counseling per neogenitori, gruppi di mutuo-aiuto per condividere oggetti utili per l’infanzia, percorsi di accompagnamento alla nascita  e il supporto nei primi 100 giorni di vita, una fase delicata in cui è fondamentale fornire sostegno emotivo e prevenire l’isolamento delle madri. E non solo loro.

“Mi piace molto perché vengono analizzate delle tematiche semplici, ma proprio per questo sono spesso ignorate dai genitori – ha dichiarato un futuro papà che segue i percorsi dello Spazio – Ci si mette tutti in cerchio e si condividono le emozioni. Anche quelle delle educatrici, così non ti senti ‘a­nalizzato’”. Poiché la violenza contro le donne è un problema culturale che riguarda tutti, ed è con la cultura che possiamo trovare soluzioni. Per questo nello Spazio Libellula è presente anche una piccola biblioteca con un focus sulla parità di genere e le emozioni.

ARTICOLI CORRELATI

Articoli più letti

Numero 02-2024

Interviste recenti