14 C
Milano
domenica, 2 Ottobre 2022
HomeVarieApprovazione definitiva del Piano Aria Clima

Approvazione definitiva del Piano Aria Clima

di Angelo Turco


A dicembre il Consiglio Comunale ha approvato la revisione periodica delle società partecipate, una ricognizione annuale delle società a partecipazione diretta del Comune di Milano (MM Spa, Amat, MilanoSport, Milano Ristorazione, Sogemi, Atm, Spv Linea M4, Sea, A2a, Arexpo, Azienda Far-macie Milanesi, CAP Holding) e delle partecipazioni indirette detenute da Palazzo Marino tramite Atm, tramite Cap Holding e tramite Sea, che mira a valutare la coerenza delle partecipazioni rispetto al conseguimento degli scopi istituzionali.

Ma il vero grande risultato di questi mesi è l’approvazione definitiva del Piano Aria Clima (PAC), il documento di visione strategica per l’adattamento della città di Milano ai cambiamenti climatici e per il raggiungimento, nell’arco del periodo 2021-2050, dell’azzeramento delle emissioni clima-alteranti, dopo quattordici lunghe sedute, a tratti anche molto e combattute tra maggioranza e opposizione.

Nel PAC sono indicate, e sottoposte a verifiche temporali, le azioni e gli interventi che dovranno essere attuati in vista di una città sempre più sostenibile, verde. Tra gli interventi più rilevanti c’è la graduale creazione di una città ciclo-pedonale, una città a 30 km all’ora, in linea con la visione di una città carbon neutral capace di contrastare i cambiamenti climatici, che limiti in maniera sostanziale il traffico veicolare. In quest’ottica, a partire da ottobre 2022 e in sintonia con quanto già previsto dalle limitazioni di Area B, verranno gradualmente esclusi dall’accesso in città i veicoli considerati più inquinanti, a cominciare dai diesel Euro 5.

Per favorire la graduale riduzione dell’emissione di CO2 sino al 45% entro il 2030 viene, inoltre, dato avvio alla riqualificazione energetica degli edifici del patrimonio pubblico, a cominciare dal progetto pilota che prevede la graduale installazione di oltre 60mila mq di pannelli fotovoltaici a copertura dei consumi energetici dell’Amministrazione in scuole, case popolari e uffici pubblici.

Sempre in tema di risparmio energetico, fondamentale sarà anche il sostegno alle azioni di manutenzione e controllo degli impianti termici privati. Le linee guida previste dal PAC prevedono il costante incremento del verde urbano, per questo verranno implementati progetti già in essere come ForestaMI che, a oggi, ha messo a dimora oltre 280mila alberi su tutto il territorio metropolitano, oltre a sostenere la realizzazione di tetti e pareti verdi in città.

Infine, una nota su un tema che in città è particolarmente sentito in questa fase, quello della sicurezza. Il Consiglio a gennaio ha approvato un documento di indirizzo per la Giunta, con il quale si chiede di aumentare le azioni sul fronte sociale ed educativo, dando nuovo impulso all’incremento dell’organico dei vigili (sta partendo il piano di assunzione voluto fortemente dal sindaco per 500 nuovi ghisa) e delle altre forze dell’ordine presenti sul territorio, a un potenziamento dei controlli da remoto e dei supporti tecnologici in dotazione agli agenti per ricevere e intervenire sulle segnalazioni, la collaborazione con i locali nelle aree di maggiore aggregazione e movida, una mappatura delle aree più critiche e la promozione dei progetti di sicurezza partecipata, quali le reti di vicinato.

Tra marzo e aprile, il Consiglio Comunale inizierà ad esaminare il bilancio di previsione: le conseguenze della crisi pandemica si riverberano sulla salute economica del Comune e delle sue partecipate. L’impegno dovrà essere quello di garantire, anche in questa fase complicata, i servizi ai cittadini e le misure di sostegno alle fasce più deboli della città.

ARTICOLI CORRELATI

Articoli più letti

Numero 03-2022

Interviste recenti