12.7 C
Milano
domenica, 2 Ottobre 2022
HomeTeatriIl Teatro Officina non si ferma mai

Il Teatro Officina non si ferma mai

Sappiamo bene che non tutti vanno in vacanza per mille diverse ragioni, ma il Teatro Officina non li lascia soli. Anche questa estate, in tutte le domeniche di luglio e agosto, è andata in scena, sostenuta dalla Fondazione Cariplo, la rassegna “Martesana Dimanche”, che racchiude una serie di eventi che hanno animato l’area del Naviglio Martesana. Eventi particolari, impegnativi che vanno dalla lettura di brani tratti dalla “Recherche” di Marcel Proust con Mele Ferrarini, ai concerti per pianoforte e voce di una giovane cantante emergente, Ilaria Cingari.

Martesana Dimanche

Questa rassegna domenicale, con accesso libero e gratuito, si è conclusa il 28 agosto con un evento che ha visto la presenza in scena del Direttore artistico del Teatro –Massimo de Vita – il quale ha intrattenuto passanti, runner, extracomunitari di Via Padova, famiglie che facevano pic-nic nel vicino parco, proponendo tre temi di grande intensità e attualità: la pace, la fame nel mondo, l’emergenza ambientale, ispirandosi ad autori come Gandhi, Martin Luther King, Brecht, Scarpetta e altri. Ad affiancare Massimo de Vita c’erano Pierluigi Durin, Antonello Garofalo, Daniela Airoldi Bianchi, con Francesco Mazza, chitarra e voce.

Teatro Officina riparte in ottobre

La città riprende a settembre la sua normale attività e il Teatro Officina riparte in ottobre con i corsi di teatro per adolescenti, giovani e adulti. Questa scuola di formazione teatrale, che ha 45 anni di esperienza, è una importante opportunità per i più giovani di vivere una socialità di gruppo in un contesto sereno e creativo ed un’occasione preziosa per gli adulti per potenziare le competenze comunicative e vivere un tempo di benessere dedicato all’espressione di sé.

I corsi si tengono nella sala di Gorla, dotata di palco, luci e quinte.
Per informazioni scrivere a info@teatroofficina.it o telefonare al 366.5218421

ARTICOLI CORRELATI

Articoli più letti

Numero 03-2022

Interviste recenti