Home

Chi siamo

    • Premessa
    • Consiglio
    • Statuto
    • Scheda di adesione
    • La redazione
    • Altri dati

Archivio

Articoli

Eventi

Social

Dove trovarci

Contatti

Quo Vadis?

Home

di Angelo Inzoli

Non è esagerato dire che la Scuola del Sole, all'interno del parco Trotter, sia un monumento vivente della pedagogia scolastica moderna. Dalla sua nascita, nel 1922, come scuola all'aperto destinata ad accogliere i bambini cagionevoli di salute della città di Milano, sino alle sperimentazioni degli anni ’70, questo plesso ha saputo riadattare la sua proposta alle esigenze dei tempi che cambiavano inventando un modo attivo di fare scuola, in cui il parco e la vita sociale erano di fatto i primi strumenti di lavoro nelle mani degli insegnanti.

Gli anni recenti, però, non sono stati esaltanti per la scuola in generale e per quella del Trotter in modo particolare. Tanti fattori hanno fatto scivolare verso il basso la qualità di questa scuola pubblica. Ne è conseguita una perdita di fiducia delle famiglie del quartiere, anche di quelle tradizionalmente vicine alla scuola, preoccupate che il degrado attorno al parco compromettesse in fondo anche la qualità della didattica all'interno della scuola. Problemi veri che dovranno essere affrontati senza indugio.

Qualcosa però è cambiato nel 2011, quando il sindaco Pisapia decise di destinare alla ristrutturazione dell'ex convitto del Parco un dono economico importante da parte della Fondazione Cariplo. Questa opportunità ha di fatto spinto molti, sia all'interno della scuola che nel territorio urbano circostante, ad uno sforzo di ripensamento di questo spazio. Inizialmente il mondo della scuola ha fatto fatica a cogliere l'importanza della ristrutturazione, forse anche a causa di un turn-over di dirigenti poco riuscito. Alla fine però è prevalsa la voglia di non gettare un’opportunità storica e di intraprendere un "restauro interno" ben più urgente di quello architettonico: quello del modo stesso di fare scuola.

E' stato chiamato in aiuto il professor Raffaele Mantegazza, associato di pedagogia sociale alla Università Bicocca. La missione che gli è stata affidata è chiara: aiutare la scuola a interpretare i nuovi bisogni che il mondo giovanile, sempre più interculturale, pone al sistema scolastico. Egli stesso ne ha riassunto la sostanza: " la sfida è mantenere una identità forte e irrinunciabile andando però incontro a cambiamenti anche importanti richiesti dalla diversa utenza della scuola di oggi". Ha preso così forma un progetto che prevede 4 fasi operative - dal settembre 2017 al giugno 2018 - a cui è stato il nome poetico de "Il sole e le altre stelle".

Innanzitutto si tratterà di ritornare a studiare la storia della scuola all'aperto. Ogni realtà pedagogica, infatti, ha un anima nascosta nelle intenzioni di chi l'ha fatta sorgere. Ci si interrogherà poi sui cambiamenti vissuti dalla scuola dagli anni 20 ad oggi, per individuare aspetti perduti ma recuperabili, aspetti definitivamente persi, linee di tendenza per il futuro. Il cuore del progetto è però costituito dall'analisi attenta dell'oggi: ora per ora e giorno per giorno, attraverso l'ascolto e l'osservazione degli operatori della scuola verranno analizzati gli elementi positivi e negativi della proposta attuale e la sua connessione con il contesto sociale e urbano.

Si cercherà di capire quali siano i problemi derivanti dal bacino multietnico della scuola e quali aggiornamenti didattici e educativi la scuola deve operare per meglio rispondere alla sfida della multiculturalità. Da ultimo si guarderà alle concrete collaborazioni della scuola con le famiglie, le associazioni, l'amministrazione comunale e altre istituzioni pubbliche e private della città nella convinzione che nessuna scuola sia un isola.

Alla fine, dunque, non resta che augurare buon anno al Trotter: la nomina del nuovo dirigente, Francesco Muraro, il trasloco nell'ex convitto alle porte, il fermento delle famiglie della scuola sono tutti fattori che, insieme, fan ben sperare nel rilancio creativo di questa straordinario spazio di cultura per i piccoli della nostra città!

Ultimo numero

Login