Francesca Coco

A cura della dottoressa Francesca Coco
Specialista in Pediatria Indirizzo Neonatologico

La risposta è una sola: VACCINARE.

Se si pensa che le malattie infettive, in passato, rappresentavano la prima causa della mortalità infantile, è evidente allora che i vaccini abbiano salvato centinaia di milioni di vite umane. Studi epidemiologici hanno rivelato la pericolosa ricomparsa di vecchie malattie, che si pensavano debellate, in tutti quei luoghi in cui le coperture vaccinali sono diminuite a causa di guerre, cataclismi o pesanti crisi economiche.

Proprio per questi motivi la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici ha varato recentemente un Documento che ribadisce l'importanza dei vaccini. Tali strumenti terapeutici sono, nella storia della medicina, gli interventi più efficaci mai resi disponibili per l’uomo nel contrasto delle malattie infettive. Purtroppo oggi invece si fa strada nell’opinione pubblica la falsa percezione che essi siano superflui e inutili. E’ forse proprio la scomparsa del confronto quotidiano con le conseguenze mortali o invalidanti di tante patologie, dovuta proprio alla scoperta dei vaccini e delle terapie antibiotiche, che ha indotto la cittadinanza a credere che il successo sulle malattie infettive fosse definitivo e irreversibile.

Il Documento, poc'anzi citato,  si conclude con una forte assunzione di responsabilità della Professione Medica in nome del Codice Deontologico e del principio costituzionale della Tutela della Salute.

E’ stato proposto, infatti, di radiare dall’Albo i Medici che sconsigliano i vaccini e di non permettere l’inserimento dei bambini non vaccinati nelle scuole.

In qualità di Pediatra, senza credere che siano utili imposizioni, invito sempre i Genitori a riflettere sulle scelte da prendere e a vaccinare senza ombra di dubbio i propri figli. Bisogna sempre considerare che i vaccini attualmente in commercio sono sicuri e che le complicanze di questi riguardano percentualmente molti meno pazienti rispetto a quelle dovute alla malattia infettiva stessa.

Inoltre, bisogna ricordare che, abbassandosi la percentuale di bambini vaccinati, le malattie oggi debellate o quasi rischiano di ricomparire e che proprio i bambini non vaccinati sarebbero i primi ad ammalarsi e ad avere le relative complicanze.

Con questo articolo inizia la collaborazione con il nostro giornale la pediatra Francesca Coco, che è disponibile a dialogare con i nostri lettori su argomenti pediatrici, rispondendo alle mail che possono essere inviate a  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.