Home

Chi siamo

    • Premessa
    • Consiglio
    • Statuto
    • Scheda di adesione
    • La redazione
    • Altri dati

Archivio

Articoli

Eventi

Social

Dove trovarci

Contatti

Quo Vadis?

Eventi

 

                     
Una delle opere realizzate durante l'evento.

 

Articolo di Federico Sesia

Come ormai da tre anni a questa parte, via Zuretti 61 e in particolare il vicolo del Fontanile hanno ospitato, il finesettimana dell’8 e del 9 giugno, le opere di diversi artisti internazionali nell’ambito dell’iniziativa chiamata Looperfest & ZuArt Day, uno dei più importanti festival di graffiti di tutta Italia. Organizzato dall’associazione La Ginnastica, fondata dalla conduttrice radiofonica Petra Loreggian assieme a  Giuseppe Ronzano, visionario architetto, King Raptuz, artista da 30 anni e professionista dei graffiti e Loopcolorstale evento è nato tre anni fa nell’ambito dei progetti di riqualificazione urbana dal basso che da un po’ di tempo stanno interessando la Zona 2 di Milano (si pensi a titolo esemplificativo alle svariate iniziative svoltesi a NoLo), e da allora si ripete a cadenza annuale. Nella fattispecie, la scelta di questo vicolo cieco di circa novanta metri come luogo in cui attuare il progetto è stata dettata dalle tristi condizioni in cui questo riversava: in passato vi si trovavano infatti rifiuti di ogni genere, scarsa illuminazione, escrementi umani e animali, e tutto questo prospiciente all’asilo “Nido 71” situato proprio nel vicolo. Proprio dal punto più basso raggiunto è nata però la svolta che ha portato alla riqualificazione di vicolo del Fontanile (il cui nome deriva dal fatto che, quando c’erano solo cascine, lì si trovava un fontanile d’acqua che fungeva da punto di ritrovo per gli abitanti della zona), dettata dalla volontà di non abbandonare questo spicchio di Milano al degrado, anche (ma non solo) in considerazione dell’asilo ivi presente. L’idea sviluppata dalla Loreggian è semplice ma efficace: decorare i muri per porre fine al degrado, e per decorarli ci si è rivolti a diversi artisti internazionali che hanno saputo usare il loro talento per restituire dignità a questo angolo di città che i suoi residenti non hanno dimenticato. E gli ottimi risultati raggiunti sono ammirabili da tutti. Tra gli artisti che hanno partecipato a questa edizione di Looperfest & Zu Art Day dipingendo il muro del Fontanile abbiamo 5 russi (Ivan FansTaknado, Jovanny Brainmash, Julia Volchkova, Vadim Mezzo, Rasko), 3 italiani (King Raptuz, David Smake, Willow), 2 peruviani (Hadok94, Sef.01), 2 inglesi (Dank, Mr Cenz), 2 bulgari (Jelio DimitrovArsek, Rate_Nls), e 1 francese (Zcäpe Hec).

Quest’anno l’evento è stato impreziosito dalla presenza di diversi ospiti che hanno fatto un intervento dal palco, quali il presidente del Municipio 2 Samuele Piscina (che ha garantito il sostegno del Municipio 2 all’iniziativa) e il comico e cantautore Germano Lanzoni, noto ai più per il suo ruolo nei video de Il Milanese Imbruttito. Immancabile l’apertura con l’intervento di Petra Loreggian, che ha ricordato la storia di Looperfest & Zu Art Day, il suo sviluppo ed i suoi successi, ringraziando tutti gli artisti, le associazioni che hanno collaborato e ovviamente tutti i presenti. Piscina ha ricordato il sostegno dato all’iniziativa dal Municipio 2, che è trasversale alla composizione politica del Municipio e ha avuto l’appoggio entusiasta di tutti i consiglieri, qualunque fosse la loro appartenenza partitica. La riqualificazione delle aree più sfortunate di Zona 2 prosegue a tamburo battente.

 

 

 

Ultimo numero

Login