INAUGURATO IL MERCATO CENTRALE DI MILANO

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

MercatoCentraleMilano 1Gli artigiani dell’enogastronomia al centro di una piazza ideale

di Angelo Cappellina

Dentro la Stazione Centrale, nel cuore della città che è il centro dell’economia, della moda, del design, dell’inclusione, è stato inaugurato il 2 settembre scorso il Mercato Centrale Milano nello spazio di 4.500 metri quadri precedentemente vuoto in piazza IV Novembre, all’inizio di via Sammartini. Due piani, 29 botteghe, la voce degli artigiani, uno Spazio Fare per gli incontri, le presentazioni, gli eventi. Un luogo in cui sedersi e leggere, mangiare, fare la spesa, ascoltare, scambiarsi idee ed opinioni, quindi, anche un centro di aggregazione in cui cibo e cultura si fondono, grazie anche a un fitto calendario di eventi gratuiti e aperti a tutti, grandi e piccini. Si riscopre così la funzione storica del mercato come luogo di destinazione, di incontro e di scoperta, aperto alla città in un dialogo costante.

Il progetto Mercato Centrale nasce nel 2014 da un’idea di Umberto Montano, imprenditore della ristorazione, e dall’esperienza imprenditoriale del gruppo Human Company della famiglia Cardini-Vannucchi, leader in Italia nel settore del turismo all’aria aperta, co-fondatori del progetto. La sinergia nata dall’incontro tra i due ha dato vita a un nuovo modo di parlare del cibo che fa della semplicità il suo punto di forza. Un’idea che si realizza in un format innovativo e che riporta al centro gli artigiani del gusto e il loro saper fare in un’ideale piazza della socialità. Questa nuova formula ha debuttato nel 2014 con l’inaugurazione del Mercato Centrale Firenze, al primo pia­no dello storico mercato coperto di San Lorenzo, in uno spazio di 3.000 mq a lungo abbandonato. Nel 2016 si aggiunge il Mercato Centrale Roma, presso la Cappa Mazzoniana della Stazione Termini che, come avvenuto per Firenze, contribuisce alla riqualificazione dello storico quartiere Esquilino. Nel 2019 inaugura il Mercato Centrale Torino a Porta Palazzo su 4500 mq distribuiti su tre livelli, che contribuisce alla riqualifica del Centro Palatino. 

La struttura di Milano è imponente: tutto lo spazio di due piani della stazione affacciato sul lato di piazza Duca D’Aosta oltre ai dehors vetrati che lo collegano all’esterno. E le “botteghe artigiane”, situate in stand, alcuni dei quali davvero giganti, sono proposte in uno spazio che per vari aspetti mantiene il tipico fascino delle grandi archeologie industriali. Nelle “botteghe” che il Mercato propone si possono trovare eccellenze dell’alimentazione di ogni genere, da tutta Italia e anche qualcosa di estero, in cui fare assaggi e acquistare le più diverse specialità da portare via (per esempio il pesce o le carni al naturale o cotte al momento), o da consumare scegliendosi il posto; si potrà anche assistere alla preparazione di molte specialità e seguire momenti dimostrativi.

Nel box allegato abbiamo elencato le 29 “botteghe artigiane” aperte nel Mercato, segnalando con particolare rilievo la presenza di una nota risorsa della zona 2: la Pasticceria Martesana.                                                                                                                                     

Ma la filosofia di Mercato Centrale prevede, come abbiamo già detto, che si possa liberamente conversare, leggere, connettersi, seguire laboratori, e poi assistere a mostre, eventi di ogni genere nella zona dedicata, lo Spazio Fare, che a regime dovrà offrire ogni giorno qualcosa di diverso.                                                                            

Per le iniziative in questo spazio è previsto il contributo di realtà soprattutto cittadine, a partire dalle zone circostanti. Da mesi i responsabili degli eventi hanno preso contatti con moltissime realtà milanesi davvero di ogni genere.                                                                                                                       

Inoltre, nel Mercato è attiva Radio Mercato Centrale ascoltabile “live” all’interno ma anche via web, non solo con musica “rigorosamente italiana” ma anche con “le voci degli intellettuali, degli artisti, dei personaggi che hanno fatto la storia dell’Italia e i rumori in presa diretta del Mercato”. Wifi libero e cani ben accetti.

Copyright © 2021 NoiZona2, developed by AgoràFutura.Net - All rights reserved.

Search