Da oltre settant’anni il Bar-Tabaccheria Varisco, punto di riferimento in via Crespi

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

I proprietari del Bar Varisco Luciana e Mimmodi Elena Degregorio                                                                                                        

Lunedi 18 maggio il Bar Varisco di via Pietro Crespi 13 ha risollevato le saracinesche, decretando una graduale e attenta ripartenza della vita sociale nel quartiere. “Abbiamo riaperto con tanti timori e dubbi perché, dopo tre mesi di chiusura, non è facile ricominciare non avendo tra l’altro un protocollo scritto al quale attenerci” - ci racconta la proprietaria Luciana Villa all’indomani della riapertura - “Pensavamo che sarebbe stato più complicato far uscire le persone di casa, invece ieri sera abbiamo rivisto molti clienti ed è stato piacevole, inaspettato ed anche un po’ commovente. Abbiamo distanziato i tavoli e le persone sono state educate e rispettose delle regole. È stata una bella serata che ci ha rincuorato e dato la forza e la voglia di ricominciare."                                                                                                                                                               

Dopo mesi di chiusura a causa del coronavirus il Bar Varisco ricomincerà a svolgere la sua funzione di luogo di incontro e di presidio sul territorio, ruolo che il bar ricopre dalla sua apertura nel lontano 1948. “Quando i miei nonni aprirono il locale - continua Luciana - lo diedero in gestione per alcuni anni, fino al 1959, anno in cui iniziarono a condurlo insieme ai miei genitori. Oggi l’attività è portata avanti da me e da mio marito Mimmo”. Il Bar Tabaccheria Varisco ha ospitato spesso eventi, serate karaoke e gli incontri e il mercatino di LaNolo, gruppo di maglia ed uncinetto di NoLo. 

Anche durante il lockdown la tabaccheria, rimasta aperta con orari ridotti, ha svolto il ruolo di presidio territoriale. “Non ci siamo mai sentiti abbandonati dai clienti e dalle persone del quartiere ” - continua Luciana - “Alcuni di loro ormai sono amici e a volte, andando a fare la spesa, passavano per comprare le sigarette o soltanto per un breve saluto. Rimanendo aperti siamo stati anche uno dei pochi luoghi di conforto, in cui potersi scambiare una parola o un ricordo riguardo alcune persone che purtroppo sono mancate durante il Covid19.”                                                                                                                                                                                                              Luciana e Mimmo, dopo aver osservato il quartiere deserto dalle finestre del loro appartamento, e in seguito alle due prime settimane di maggio in cui hanno allestito qualche servizio di take away, sono pronti per ripartire. Il successo della prima serata passata in compagnia è un ottimo segnale di speranza per tutte le attività di quartiere.


Il Bar Varisco il 18 Maggio Foto presa dalla pagina Facebook del Bar Varisco  Aperitivo

Copyright © 2020 NoiZona2, developed by AgoràFutura.Net - All rights reserved.

Search